Non tutti gli psicologi sono clinici

a
Chi lavora in ambito clinico e in ambito non clinico ha necessità di conoscenze, competenze, strumenti e formazione differenti. Tutto ciò cosa implica?

La questione dell'obbligo di formazione continua inizia a far dire ad alta voce una cosa che finora si è sempre taciuta o si è detta a mezza bocca:
Non tutti gli psicologi sono professionisti sanitari.
LO SAPPIAMO TUTTI CHE NON ESISTONO SOLO GLI PSICOLOGI DI AREA CLINICA. Sono la percentuale maggiore, certo, e nell'immaginario collettivo lo psicologo è uno che cura, ma esistono anche psicologi che non si occupano di clinica.
Finora questo argomento è stato un tabù e non se ne è parlato. In alcuni casi attuando una negazione ("Non vedo dov'è il problema") in altri ricorrendo alla razionalizzazione ("In fondo tutto è clinica"). Al di là dei sofismi, è evidente che le competenze necessarie per valutare il clima aziendale e gestire il personale in un'organizzazione sono differenti da quelle necessarie per diagnosticare un disturbo borderline o gestire un lutto.

CONSEGUENZE. Eppure dall'aver evitato la questione derivano diverse conseguenze. Vi faccio alcuni esempi (ma tenete conto che la lista è molto più lunga):
  1. Chi si è formato in ambito non-clinico fa lo stesso Esame di Stato di chi si è formato in ambito non clinico e ha lo stesso titolo professionale.
  2. È quasi impossibile definire gli atti tipici dello psicologo. Eppure sappiamo che ne abbiamo estremo bisogno perché counselor, grafologi, sciamani etc. invadono il nostro ambito proprio sfruttando la scarsa definizione degli atti tipici. 
  3. Non si può fare una riforma concreta ed efficace dei percorsi di studio se non si differenziano in modo netto i due ambiti: costringere chi vuole diventare psicologo del lavoro a fare ore di psicopatologia, neuropsicologia, tecniche di colloquio etc. a che serve? E soprattutto, non si potrebbero fare esercitazioni e corsi più abilitanti e più specifici anziché dare una preparazione generica in modo che escano fuori veri psicologi clinici o del lavoro? (veri = che escano dall'università sapendo fare il proprio mestiere).
  4. Anche chi non ha ricevuto una formazione clinica il giorno dopo l'EdS può aprire il suo bello studiolo con due poltrone o un lettino e fare sostegno psicologico, valutazione psicodiagnostica etc. come se fosse un clinico e viceversa.
  5. Il Ministero sta completando l'annessione della professione di psicologo come professione sanitaria. Tutti gli psicologi.

CI PENSA IL MERCATO? Si dirà: ci penserà il mercato a selezionare chi è competente e chi no. Finora è così che hanno funzionato le cose. Ma selezionare i professionisti e assicurare che lo psicologo abbia le competenze necessarie è compito dello Stato (e quindi delle Università e degli Ordini nelle mansioni che lo Stato delega loro). Delegare i propri compiti "al mercato" è sempre una pessima idea. Anzi, non è neanche un'idea, si chiama lavarsene le mani. Mi viene anche in mente che  tra l'altro è lo stesso identico argomento che usano counselor, pedagogisti clinici etc. "Sarà il mercato a decidere". Io dico di no.

Se tu, Stato, dai ad una persona il tesserino da psicologo devi garantire che sia in grado di fare ciò che dice la Legge, cioè sostegno, diagnosi e ri/abilitazione. E che lo sappia fare sul serio. E se mi dichiari "professionista sanitario" allora devi garantire che io sia capace di operare in ambito sanitario.
È compito dello Stato riformare i percorsi di laurea, le regole per l'abilitazione e le competenze per potersi definire "professione sanitaria". Ma è compito del CNOP, degli Ordini, delle Associazioni di categoria e di ogni singolo professionista - ciascuno con i mezzi e i modi che gli competono - chiedere allo Stato che faccia le riforme che ci servono. Cosa vuoi che ne sappia il Ministro di turno di come vanno le cose nei tirocini, nelle aule universitarie etc?

SANITARI MA NON TROPPO. Con la richiesta di ridurre il tirocinio a 6 mesi e l'EdS a 2 prove (che poi si è scoperto che non è una riduzione, ma si propone di fare 6 mesi durante il corso di laurea e 6 mesi nel post lauream) il CNOP ha iniziato se non altro a smuovere le acque. Ma non basta fare qualcosa. Bisogna farla bene. Se metto le mani su uno che ha avuto un incidente stradale bisogna che sappia cosa sto facendo sennò rischio di fargli pure peggio.
Il CNOP ha detto che si tratta del primo tassello di una riforma più generale e più radicale (l'abolizione del 3+2, la professionalizzazione dei corsi etc.). Ora, dopo la "notizia" che il Ministero vorrebbe imporre il sistema ECM a tutti gli psicologi (del resto vogliono essere tutti professione sanitaria, no?) e che, se saranno a pagamento, tutti gli psicologi dovranno mettere la mani nelle tasche, finalmente si inizia a distinguere tra chi opera in ambito clinico da chi opera in altri settori.

Dovrei essere contento che ora finalmente se ne parli, visto che sollevo l'argomento da anni. E infatti lo sono. Ma lasciatemi dire che è davvero triste che se ne parli solo perché adesso ci sono di mezzo i soldi.
Continua a leggere l'articolo...

Elenco dei servizi gratuiti di consulenza Fiscale e consulenza Legale per psicologi

a
Fisco, tasse, p.Iva, leggi, enpap, onlus, minimi, associazioni... Che confusione! Ecco a chi puoi rivolgerti GRATUITAMENTE. 

Ammettiamolo: siamo psicologi. La maggior parte di noi è esperto di fisco e di economia come Jack lo Squartatore era esperto di dinamiche di coppia. Però prima o poi siamo costretti a mettere mano a leggi, decreti, tasse, aliquote e trappole simili. Quali alternative abbiamo, oltre alla pastorizia e l'accattonaggio?

Il problema è che anche se abbiamo un commercialista spesso non è esperto delle questioni legate alla nostra professione. Fortunatamente in quasi tutte le Regioni è possibile usufruire di servizi gratuiti da parte degli Ordini o di enti nazionali. Ecco un elenco sintetico. Spero vi sia utile!

ENPAP

L'Enpap ha attivato un servizio di consulenza telefonica e on line in materia fiscale (riservato agli psicologi iscritti all'Enpap). Non è previsto un limite di utilizzo del servizio.

Cosa

Potete richiedere consulenza per la gestione dell'Iva, IRAP, regime dei minimi, esenzioni, costi e spese deducibili nell’attività professionale, consulenza contrattuale (incarico professionale, collaborazioni, locazione dello studio etc.), modello UNICO, contenzioso tributario.
Oltre alla gestione personale, potete chiedere una consulenza per la costituzione di Associazioni, Studi Associati, Cooperative, Onlus, etc.

Quando

Telefono: Lun, Mer, Ven: 10-13 e 15-17
Email: risposta garantita entro 48 ore

Dove

Il numero di telefono e l'indirizzo email dello studio di commercialisti lo trovate nell'area riservata.

Ordine Psicologi del LAZIO

Cosa

Consulenza sia in ambito legale che in ambito fiscale. È previsto un limite al servizio: potete prenotare un solo appuntamento all’anno.

Dove

Accedendo all'Area riservata comparirà il banner "Richiedi una consulenza fiscale o legale".

Quando

Le modalità e gli orari sono differenti per ciascuno studio di consulenza.

Ordine Psicologi della LOMBARDIA

Cosa

L'Ordine della Lombardia per i primi 5 anni fa pagare ai neoiscritti il 50% in meno della quota annuale (70€). Ai neoiscritti è riservato il Servizio di accoglienza nuovi iscritti.
L'offerta non si limita all'area fiscale e legale ma comprende anche consulenze per chi opera nel terzo settore, per questioni deontologiche e per il tutoraggio. Non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Quando 

Orari di ricevimento, sia di persona che telefonico:

Ordine Psicologi del VENETO

Cosa

L'Ordine del Veneto offre un servizio di consulenza legale e un servizio di consulenza fiscale individuale. Viene offerta anche una consulenza di gruppo per l'avvio della professione su questioni fiscali, legali ed etiche. Non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Quando

Una volta a settimana, tutti i mercoledì dalle 9.30 alle 12.30.

Dove

Per partecipare è necessario contattare la Segreteria dell'Ordine tramite mail, telefono (041 981799) o fax (041 983947). Gli incontri si tengono presso la sede dell'Ordine a Mestre.

Ordine Psicologi dell'EMILIA ROMAGNA

Cosa

L'Ordine dell'Emilia Romagna offre consulenze fiscali, legali e per l'avvio professionale. Non risulta un limite di utilizzo del servizio. Nella pagina Informazioni Fiscali è inoltre possibile trovare numerose informazioni, scaricare modelli per le fatture e trovare risposte a questioni comuni in ambito di fiscalità professionale.

Quando e Dove

Presso la sede dell'Ordine a Bologna, previa prenotazione on line (modulo) oppure oppure via fax al numero 051/235363.

Ordine Psicologi della TOSCANA

Cosa

L'Ordine della Toscana offre uno Sportello di consulenza in materia fiscale e contabile. Gli iscritti possono inoltre consultare delle circolari periodiche nelle quali si risponde a quesiti comuni di natura fiscali e contabile. Non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Quando

Dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

Dove

È possibile contattare il Consulente dell’OPT Dott.ssa Chiara Accardi al 055-486894.

Ordine Psicologi del PIEMONTE

L'Ordine del Piemonte nella pagina "Consulenze gratuite" indica i numeri telefonici dei professionisti in ambito fiscale e legale. Non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Ordine Psicologi della Campania

Cosa 

L'Ordine della Campania offre una consulenza in materia fiscale ai propri iscritti. Non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Quando e Dove

Ogni giovedì dalle 16 alle 18. Per prenotare la consulenza con il commercialista è necessario contatta la Segreteria dell'Ordine.

Ordine Psicologi della SICILIA

Non risulta uno sportello di consulenza fiscale. Nella pagina "Consulenza fiscale" è possibile trovare alcune indicazioni sulle questioni comune in ambito di fiscalità professionale.
Per la consulenza di carattere legale gli iscritti accedendo all'Area Riservata possono rivolgere specifici quesiti all'avvocato. Le risposte di interesse generale saranno pubblicate nel sito. Non è chiaro se vengono fornite anche risposte individuali. Non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Ordine Psicologi della PUGLIA

L'Ordine della Puglia ha attivato una Convenzione per la Consulenza fiscale, contabile, previdenziale e privacy per gli iscritti. Non si tratta di un servizio gratuito ma solo di una tariffazione agevolata. Non risulta un servizio di consulenza in materia fiscale.

Ordine Psicologi della CALABRIA

Cosa

Gli iscritti all’Ordine Regionale della Calabria possono usufruire, a titolo gratuito, del servizio di consulenza fiscale inerente l’attività professionale degli psicologi. Non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Dove e Quando

Dall’Area Riservata si potrà utilizzare una casella di posta elettronica dedicata per porre i propri quesiti ai quali verrà risposto individualmente.

Ordine Psicologi delle MARCHE

Cosa

L'Ordine delle Marche offre sia un  servizio di consulenza fiscale che una prima consulenza gratuita su questioni legali. Per i riferimenti contattare la Segreteria dell'Ordine in orario di ufficio al n. 071/2081006. È prevista un'unica consulenza legale per ogni iscritto. Per la consulenza fiscale non risulta un limite di utilizzo del servizio.

Quando e Dove

Fiscale: una volta al mese (previo accordo) presso la Sede dell'Ordine
Legale:  presso la sede dell'Ordine, presso lo studio del consulente, telefonica o via mail

SIPAP

Dal sito della Sipap - Società Italiana Psicologi Area Professionale, risulta che per gli iscritti è previsto una servizio di consulenza fiscale e un servizio di consulenza legale. Non ho ulteriori dati perché le specifiche sono riservate solo ai soci.


È probabile che manchino alcuni servizi perché contenuti nell'area riservata alla quale possono accedere solo gli psicologi di quella regione. Segnalatemi aggiunte o correzioni. In questo modo l'elenco risulterà costantemente aggiornato a beneficio di tutti i colleghi. 
Continua a leggere l'articolo...